Abagnale Communication

Giuseppe Mascolo sei dei nostri con i tuoi arredamenti Grazie della fiducia


GUTE-URLS

Wordpress is loading infos from facebook

Please wait for API server guteurls.de to collect data from
www.facebook.com/mobilimascolo/

UrlPreviewBox


February 22, 2019 0

Caro Maestro Lino Rosi

grazie per aver scelto noi per i tuoi 30 anni di carriera

UrlPreviewBox


February 22, 2019 0

perchè un hotel è immagine

nel nostro portafoglio clienti

UrlPreviewBox


February 22, 2019 0

livelloalto – adalet

un solo brand

UrlPreviewBox


February 22, 2019 0

NEW ENTRY

La nostra determinazione ed il nostro entusiasmo ci conduce sempre ad accettare nuove sfide. E’ per questo motivo che siamo molto orgogliosi di essere stati scelti dalla 2M2 Arredamenti Mascolo per gestire la comunicazione della loro attività.


January 15, 2019 0

Social network il futuro del tuo brand

Negli ultimi anni l’avvento del social network è diventato lo strumento più efficace al fine di raggiungere nuovi contatti , Abagnale Communications oramai da oltre 10 anni si imbatte nel realizzare piani di comunicazione social e possiamo garantirvi che realmente riusciamo a raggiungere un target di utenti che poi alla fine si convertono in clienti attivi , per questo abbiamo voluto realizzare una slide dove meglio potrete informarvi sull’ andamento dei social


December 17, 2018 0

Sei pronto per la Nuova fatturazione

sai che nel 2019 tutte le imprese hanno bisogno di implementare il nuovo sistema di fatturazione elettronica. Non credere che sia poi così difficile Aproject per questo si avvale di una partenrship con la Pcalive consulting con la quale offre servisi aziendali di grande valore aggiunto . Siamo pronti ad offrirti un sistema di fatturazione economico e funzionale . CONTATTACI ORA  371 14 04 652 Bassi costi di attivazioneinstallazione da RemotoAssistenza annuale Bassi costi di rinnovo aggiornamenti inclusi Scadenza da Gennaio 2019 Software di Generazione / Invio / Ricezione / Archiviazione E’ ormai noto da un po’ che a far data dal 1° Gennaio 2019 avremo a che fare con l’obbligo di Fatturazione Elettronica o anche E-Fatture. Di che si tratta ? La fatturazione elettronica è un sistema digitale di emissione, trasmissione e conservazione delle fatture che permette di abbandonare per sempre il supporto cartaceo e tutti i relativi costi di stampa spedizione e conservazione. La fatturazione elettronica cambia radicalmente il modo in cui si compilano, inviano, ricevono e conservano le fatture. Il formato, denominato FatturaPA, è il tracciato con cui le fatture elettroniche devono essere prodotte. Si tratta di un flusso di dati strutturati in formato digitale con gli stessi contenuti informativi di una fattura cartacea, ma scritto in linguaggio XML. Oggi la fatturazione elettronica definisce un percorso unico standardizzato grazie al Sistema di Interscambio (SdI) dell’Agenzia delle Entrate. La fattura elettronica viene compilata tramite un software di fatturazione elettronica. Viene firmata digitalmente (tramite firma elettronica qualificata) dal soggetto che emette la fattura o dal suo intermediario in modo da garantire origine e contenuto. Chi emette la fattura dovrà poi inviarla al destinatario tramite il Sistema di Interscambio che, per legge, è il punto di passaggio obbligato per tutte le fatture elettroniche emesse verso la Pubblica Amministrazione e verso i privati (tra poco capiremo con quali “sottili” differenze). Dopo i controlli tecnici automatici, il Sistema di Interscambio provvede a recapitare il documento alla Pubblica Amministrazione o al soggetto privato a cui è indirizzato. Per i destinatari B2B (imprese, professionisti, ecc…) le strade di invio sono 2: PEC: il file XML contiene l’indirizzo PEC del cliente al quale SdI inoltrerà la fattura. Codice destinatario SdI: quando il cliente possiede un codice di accreditamento SdI, andrà usato questo codice per inviargli la fattura. L’utilizzo del canale PEC non presuppone alcun tipo di accreditamento preventivo presso il Sistema di Interscambio. I file FatturaPA e i file archivio devono essere spediti come allegato del messaggio di PEC. L’indirizzo PEC a cui destinare i file è il seguente: sdi01@pec.fatturapa.it. Il messaggio, comprensivo dell’allegato, non deve superare la dimensione di 30 megabytes. Se tale limite dimensionale non viene rispettato non è garantito il buon esito della trasmissione. Il soggetto che utilizza il canale PEC riceverà, sulla casella di PEC da cui ha effettuato la trasmissione, i file messaggio prodotti dal SdI relativi al proprio invio. Nota bene: il Sistema, con il primo messaggio di risposta, notifica di scarto o ricevuta di consegna, comunica al trasmittente l’indirizzo di PEC che dovrà utilizzare per i successivi eventuali invii.L’utilizzo di un indirizzo di PEC diverso da quello assegnato dal SdI non garantisce il buon fine della ricezione del file FatturaPA. Cosa possiamo fare per voi ? Dopo attento studio delle casistiche presenti tra i nostri clienti abbiamo elaborato i seguenti scenari: CASO 1 – Emetti fatture con Word e/o Excel CASO 2 – Emetti fatture con un Gestionale che non genera XML oppure li genera ma non provvede alla Trasmissione e/o Archiviazione CASO 3 – Sei un Commercialista e vuoi offrire il servizio di Generazione, Invio  e Conservazione ai tuoi clienti


December 16, 2018 0

Contributo a fondo perduto fino al 90% per favorire la registrazione di marchi comunitari ed nternazionali.

PRATICA DIFFICILEPratica complessa, da curare con supporto di un consulente Descrizione completa del bando Tempo richiesto: 15 giorni e 23 ore. Dall’11 dicembre riapre il bando per agevolare la registrazione di marchi comunitari e internazionali. Il Ministero dello Sviluppo Economico sostiene le PMI nella registrazione del proprio marchio anche a livello europeo ed internazionale. E’ stato, infatti, pubblicato l’avviso relativo alla riapertura del bando denominato Marchi+3, che potrà contare su un incremento finanziario di oltre 2 milioni di euro. Si tratta di una misura particolarmente apprezzata dalle PMI, in quanto ha l’obiettivo di sostenere la loro competitività nei mercati esteri attraverso una maggiore tutela del marchio.Le agevolazioni sono dirette proprio a favorire la registrazione di marchi comunitari presso l’EUIPO (Ufficio dell’Unione Europea per la proprietà intellettuale) e la registrazione di marchi internazionali presso l’OMPI (Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale). Soggetti beneficiari Sono ammissibili alle agevolazioni previste dal presente Bando le imprese che, alla data di presentazione della domanda di agevolazione, siano in possesso dei seguenti requisiti: a. avere una dimensione di micro, piccola o media impresa; b. avere sede legale e operativa in Italia; c. essere regolarmente costituite e iscritte nel Registro delle Imprese, attive e in regola con il pagamento del diritto annuale; d. non essere in stato di liquidazione o scioglimento e non essere sottoposte a procedure concorsuali; e. non avere nei propri confronti cause di divieto, di decadenza o di sospensione; f. essere titolari del/i marchio/i oggetto della domanda di agevolazione; g. aver ottenuto per il/i marchio/i oggetto della domanda di agevolazione la pubblicazione della domanda di registrazione sul Bollettino dell’EUIPO per la misura A e/o sul registro internazionale dell’OMPI (Romarin) per la Misura B e di aver ottemperato al pagamento delle relative tasse di deposito. Tipologia di investimenti ammissibili Possono richiedere l’agevolazione le imprese titolari del/i marchio/i oggetto della domanda che, a decorrere dal 1 giugno 2016 e comunque in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione, abbiano effettuato almeno una delle seguenti attività: MISURA A – Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi dell’Unione Europea presso EUIPO attraverso l’acquisto di servizi specialistici – deposito domanda di registrazione presso EUIPO di un marchio e pagamento delle tasse di deposito. MISURA B – Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi internazionali presso OMPI attraverso l’acquisto di servizi specialistici – deposito domanda di registrazione presso OMPI di un marchio registrato a livello nazionale presso UIBM o di un marchio dell’Unione Europea registrato presso EUIPO e pagamento delle tasse di deposito; – deposito domanda di registrazione presso OMPI di un marchio per il quale è già stata depositata domanda di registrazione presso UIBM o presso EUIPO e pagamento delle tasse di deposito; – deposito domanda di designazione successiva di un marchio registrato presso OMPI e pagamento delle tasse di deposito. Tipologia di spese ammissibili MISURA A L’impresa può richiedere un’agevolazione per le spese sostenute per: a. Progettazione del marchio (ideazione elemento verbale – ad esclusione dell’ideazione di un elemento verbale coincidente con la denominazione dell’impresa stessa – e/o progettazione elemento grafico) effettuata da un professionista grafico titolare di partita IVA relativa all’attività in oggetto o da un’azienda di progettazione grafica/comunicazione; b. Assistenza per il deposito effettuata da un consulente in proprietà industriale iscritto all’Ordine dei consulenti in proprietà industriale o da un avvocato iscritto all’Ordine degli avvocati o da un centro PATLIB – Patent Library; c. Ricerche di anteriorità per verificare l’eventuale esistenza di marchi identici e/o di marchi simili che possano entrare in conflitto con il marchio che si intende registrare, effettuate da un consulente in proprietà industriale iscritto all’Ordine dei consulenti in proprietà industriale o da un avvocato iscritto all’Ordine degli avvocati o da un centro PATLIB – Patent Library; d. Assistenza legale per azioni di tutela del marchio in risposta a opposizioni/rilievi seguenti al deposito della domanda di registrazione effettuata da un consulente in proprietà industriale iscritto all’Ordine dei consulenti in proprietà industriale o da un avvocato iscritto all’Ordine degli avvocati; e. Tasse di deposito presso EUIPO. MISURA B L’impresa può richiedere un’agevolazione per le spese sostenute per: a. Progettazione del marchio nazionale/EUIPO (ideazione elemento verbale – ad esclusione dell’ideazione di un elemento verbale coincidente con la denominazione dell’impresa stessa – e/o progettazione elemento grafico) utilizzato come base per la domanda internazionale, a condizione che quest’ultima venga depositata entro 6 mesi dal deposito della domanda di registrazione presso UIBM o presso EUIPO. L’attività di progettazione del marchio deve essere effettuata da un professionista grafico titolare di partita IVA relativa all’attività in oggetto o da un’azienda di progettazione grafica/comunicazione; b. Assistenza per il deposito effettuata da un consulente in proprietà industriale iscritto all’Ordine dei consulenti in proprietà industriale o da un avvocato iscritto all’Ordine degli avvocati o da un centro PATLIB – Patent Library; c. Ricerche di anteriorità per verificare l’eventuale esistenza di marchi identici e/o di marchi simili che possano entrare in conflitto con il marchio che si intende registrare, effettuate da un consulente in proprietà industriale iscritto all’Ordine dei consulenti in proprietà industriale o da un avvocato iscritto all’Ordine degli avvocati o da un centro PATLIB – Patent Library; d. Assistenza legale per azioni di tutela del marchio in risposta a opposizioni/rilievi seguenti al deposito della domanda di registrazione effettuata da un consulente in proprietà industriale iscritto all’Ordine dei consulenti in proprietà industriale o da un avvocato iscritto all’Ordine degli avvocati. L’agevolazione per tale servizio potrà essere richiesta – nel rispetto dei limiti previsti per singolo marchio – anche a fronte di un’agevolazione già concessa a valere sul presente Bando presentando, entro i termini di vigenza dello stesso, una nuova successiva domanda di agevolazione; e. Tasse sostenute presso UIBM o EUIPO e presso OMPI per la registrazione internazionale. Entità e forma dell’agevolazione L’agevolazione è concessa fino all’80% (90% per USA o CINA) delle spese ammissibili sostenute e nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna tipologia di servizio. Scadenza Le domande di sostegno possono essere presentate fino ad esaurimento delle risorse.


December 13, 2018 0